Siete pronti per un evento unico nel suo genere?

Il Teatro di Tor Bella Monaca, in collaborazione con la Rome International Dance Academy, diretta da Andrea Palombi, è lieto di presentare “L’Altro Festival”

23 – 24 – 25 giugno 2023

Una straordinaria serie di spettacoli e incontri che celebrano la bellezza dell’inclusione e della diversità come valori fondamentali.

Non perdete l’occasione di vivere un’esperienza indimenticabile in uno dei teatri più suggestivi della capitale!

L’Altro Festival si presenta come un progetto finalizzato all’inclusività sociale. 

Attraverso la danza, ed ogni forma d’arte e di cultura a lei connessa, si insegue l’obiettivo di promuovere una maggiore empatia e comprensione nei confronti di ogni forma di diversità culturale. “Inclusione: la danza della diversità 

L‘Altro Festival intende creare un ambiente inclusivo sia a livello concettuale che fisico per restituire a tutte le persone di ogni condizione sociale l’importanza e la positività di sentirsi dire “benvenute”. 

Le tre serate saranno contenitori di Danza, Musica dal vivo, Teatro, Proiezioni cinematografiche e Mostre d’arte. Ogni appuntamento ospiterà la testimonianza di figure locali e nazionali che sono coinvolte attivamente sul territorio con iniziative sociali di rilevanza. 

 Andare “verso l’altro” è infatti l’essenza dello spirito del festival.

La serata d’apertura offre da subito un panorama introspettivo variegato: 

il primo benvenuto si rivolge proprio ai coreografi ospiti del festival che compongono una serata

inaugurale di danza e teatro fisico esplorando con i propri lavori tematiche scelte dal mondo del sociale e
dell’inclusione.

Video proiezioni, esposizioni fotografiche sulla realtà suburbana del territorio che ospita il festival e una mostra
di lavori su tela saranno elementi di partecipazione che abiteranno lo spazio del teatro insieme al pubblico e i
suoi protagonisti. 

 

Ospiti della serata 

BUTTERFLY è metamorphòsis, la cultura per il sociale A.P.S.

Gabriele Cantando Pascali 

Attore Danzatore e Conduttore Radiofonico per “Radio Danza”

Simona Vernì e Luisa Valloni

Attrice Regista

Lidia Vitale

Attrice

Elenco degli spettacoli 23 Giugno

Indoor

Coreografia Vincenzo De Rosa

In un periodo storico di estrema fragilità e incertezza, c’è un processo incontrollabile di evoluzione su entrambi livelli fisici e spirituali, che trova spazio nella rottura della personalità umana, la quale priva di referenze trova nuovi modi di esistere o di scomparire adattandosi al cambiamento radicale.

Può la società adattarsi al cambiamento ancora una volta? 

E soprattutto cosa significa adattarsi se non cambiare per rimanere gli stessi. Può la ricerca alla propria Individualità essere anche un processo collettivo?

Filip e Josef

Coreografia Gaia Tinarelli

Signore e signori, benvenuti.

Preparatevi ad assistere ad uno spettacolo senza spettacolo, all’interno di un teatro che non è un teatro; raccapricciante, commovente e a tratti esilarante.

Prima di iniziare vorrei sottoporvi un quesito:

Pensate che nascondersi dietro un’ illusione distorta sia una scelta di vita per sfuggire ad una realtà che non ci soddisfa?

O credete sia forse un’umana e naturale esigenza?

The Room

Coreografia Andrea Palombi

Una stanza, uno stato mentale,  un contenitore di un vissuto dove il danzatore esprime attraverso i gesti movimenti e stati emotivi il bisogno di liberarsi di uscire fuori da se stesso dai suoi pensieri e traumi.

Cambiare la propria realta’ di disadattato attraverso il dialogo con se stesso.

Non c’e via di uscita, il bisogno di aiuto non trova consenso,  incatenato dentro la propria mente oscilla tra la pazzia e la normalità fino a quando si concede al proprio stato emotivo in un valzer che non ha fine.

CIAO A_DIO

Coreografia Lombardo/Porzio

“Si va dritti a casa senza più pensare che la guerra è bella anche se fa male che torneremo ancora a cantare”

Seguiamo Odisseo nel suo ritorno a casa, a se stesso, per chiederci come
sia possibile non lasciar naufragare le relazioni umane in questo tempo di
spaccature, tifoserie ottuse e polarizzazioni estreme, in cui la semplificazione
appiattisce ogni sguardo e sembra che abbiamo solo fretta di strillare la
nostra identità posticcia ad un pubblico globale e virtuale che fa lo stesso con
noi. Vogliamo l’eternità e non sappiamo abitare il presente.

Gli Dei, intanto, ci invidiano il tempo limitato che ci hanno concesso.

Music in my head/universal

Coreografia Silvia Marti e Kodance/&ko

Il terzo Capitolo del progetto chiamato The Music in my Head della compagnia Kodance/&ko, dove il pubblico diventa parte della performance stessa, affronta un breve viaggio d’amore, con un finale a sorpresa… che attraversa il complicato mondo del rapporto con l’altr*, accompagnato da una colonna sonora particolare.

Interpret* Giulia Federico e Antonella Martina

RED

Coreografia Nunzia Picciallo

L’artista utilizza gli effetti visivi per creare un corpo neutro, senza genere. Immagina la pelle e il corpo come tela bianca che si tinge di rosso. Il rosso rappresenta la forza, la passione, la sessualità, ma allo stesso tempo la sofferenza e la violenza a volte subita, per via delle diversità attribuite al genere.

Il dipinto astratto utilizzato nel video fa parte della collezione di acrilico su carta “Handle with care”  di @nunziap7

La seconda serata ha un focus specifico che vede la donna il centro
del percorso insieme: mostre di sculture e video proiezioni porranno il tema della violenza sulla donna come
spunto di analisi e di denuncia.

Gli spazi saranno di nuovo abitati da un comune sentire che tenderà a
sensibilizzare i propri partecipanti in nome di una contro-risposta decisa ed energica.

La serata di danza si sviluppa con un lavoro monografico dedicato alla vita della cantante Edith Piaf, personaggio eccentrico dal
vissuto burrascoso che ha sempre dimostrato di sapersi rialzare, riuscendo a neutralizzare le proprie profonde e
radicate angosce ed ergendosi con la forza di chi vuole continuare a lottare e a vivere.

Coreografie di Andrea Palombi

Drammaturgia Christine Grimandi

Danzatori della Rome International Dance Academy.

La serata avra’ un intervento dell’Associazione BEAWARENOW, che si distingue da tempo con la sua attività nel campo del sociale centrata sulla
sensibilizzazione delle giovani generazioni attraverso l’arte partecipativa in difesa dei diritti umani in particolare
di genere e violenza contro le donne.

Ospite della serata

Monica Lubinu

Giornalista e Conduttrice tv

Massimiliano Frateschi

Attore

Elenco degli spettacoli 24 Giugno

Amore e Passione

Coreografia Andrea Palombi
Drammaturgia Christine Grimandi

 Uno spettacolo dove la Danza esprime l’Amore e la Passione per la vita!

Ispirato alla vita della cantante francese Edith Piaf, un gruppo  di danzatori si alterneranno, dando vita a Quadri che, fondendosi tra loro, narreranno la storia di questa interprete internazionale. 

Un collage interpretativo danzato coinvolgente che alternerà momenti di profonda solitudine, a momenti di passione, amore e gioia. 

La danza contemporanea suggellerà, in un crescendo passionale, i momenti salienti, accompagnata dalle sue Melodie intramontabili La Vie en rose, No, Je ne regrette rien, l’Hymne A l’Amour, La Foule e altre che esalteranno l’importanza della vita e la potenza dell’amore… 

Serata conclusiva del festival che fa della danza e della musica del
vivo il suo atto finale. 

Protagonista in scena sarà il gruppo musicale “La Scelta”, che proporrà un programma
inerente al sociale e all’inclusione 

Arricchito dall’intervento dell’attore Mirko Frezza, dal Rapper Pan-IC e alcuni danzatori della
Rome International Dance Academy.

Elenco degli spettacoli 25 Giugno

La Scelta

Gruppo Musical

Lo spettacolo “Ho Guardato il Cielo”
descrive la storia di un uomo che ha
percorso la strada della sua giovinezza
vivendo nella discriminazione, si è perso
compiendo scelte sbagliate, ha
conosciuto la disperazione e il carcere, e,
dopo aver toccato il fondo, diviene
fautore della propria rinascita.

Attraverso le canzoni de “La Scelta” si va’
oltre le barriere e viene raccontato il
contesto periferico di Roma, un contesto
multiculturale spesso frainteso e
sottovalutato ma che racchiude forza e
rilancio proprio nella sua diversità.

Una performance di Musica, Danza e
Teatro uniti come linguaggio universale
dellʼinclusione sociale.

In aggiunta alle serate
abbiamo organizzato diversi eventi spettacolari

  • Mostra di fotografia a cura di Alessandra Giordano, Frank Sabatier e Adam Sekuler
  • Materiale di video proiezioni a cura di Nunzia Picciallo
  • Tele tratte da Visioni Eccentriche di Franco Corsi, pittore italiano dai numerosi riconoscimenti
  • Charm of Art
  • Sculture di Janine Von Thungen
  • Monologhi di Gabriele Cantando Pascali, Simona Verni’, Lidia Vitale e Massimiliano Frateschi
  • Coordinatore Festival Valerio Villa

Durante il festival inoltre ci saranno ospiti speciali

Partner e Sponsorizzazioni

Quick Links

Questo sito è stato realizzato con cura e tanto buon ☕️ da andrea-bonanno.com

Copyright © 2022. All rights reserved.